Yuri & Yaoi Paradise Fan Club



 
IndiceGraficaCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
New Year Countdown
Clock Christmas
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
STAFF
Il
  • Takehito Saito
  • Mizuki
  • Yuki Saitou
  • Saul Arcangeli
  • Hina_hyouga
  • Cherry_amai
  • Hanako
Ultimi argomenti
» HAPPY HALLOWEEN 2016!!!!!
Lun Ott 31, 2016 7:26 pm Da Mizuki Takahashi

» regalo X Halloween
Lun Ott 31, 2016 1:17 pm Da Shiori Matsuda

» Happy Halloween!!!!!!!
Lun Ott 31, 2016 1:15 pm Da Shiori Matsuda

» Disney gif Halloween
Dom Ott 30, 2016 3:36 pm Da Takehito Saito

» Tutte le eruzioni del Vesuvio dal 79 al 1944
Dom Ott 30, 2016 1:54 pm Da Hina Hyōga

» hanako to ryota
Sab Mag 28, 2016 8:27 pm Da Takehito Saito

» summer 2016
Sab Mag 28, 2016 8:26 pm Da Takehito Saito

» elia e family
Lun Mag 23, 2016 10:49 pm Da Mizuki Takahashi

» niklaus e saul summer
Lun Mag 23, 2016 10:43 pm Da Mizuki Takahashi

Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CalendarioCalendario
Gallery
GALLERYGallery
Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 38 il Ven Ott 30, 2015 1:16 am

Condividere | 
 

 LA LEGGENDA DELLA VIA LATTEA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
nana harukaze

avatar

Femminile Zodiaco Capricorno Gallo
Messaggi : 82
Compleanno : 25.12.93
Età : 23
Località : toy city
Occupazione/Hobby : cucire

MessaggioTitolo: LA LEGGENDA DELLA VIA LATTEA   Gio Apr 24, 2014 9:17 pm

La via lattea e l'incontro di due stelle



Tanti e tanti anni fa c'era un luogo che ai giorni nostri viene chiamato Via Lattea. Questa era suddivisa in due mondi: uno di essi era abitato dagli esseri umani e l'altro era la regione riservata alle divinità.

Il mondo degli uomini era ad occidente, mentre ad oriente c'era il mondo delle divinità, e non c'era mai modo d"incontrarsi tra gli uni e gli altri. Nella zona occidentale viveva un giovane bellissimo chiamato Kengyû, che conduceva ogni giorno le mucche al pascolo essendo il suo mestiere quello di mandriano e, praticamente, passava le sue giornate con loro.

Nella zona orientale, dove vivevano le divinità, c'erano le sorelle della splendida Orihime che, insieme a lei, tessevano abiti preziosi. Orihime era la più giovane delle sorelle ed oltre ad essere straordinariamente bella aveva un'abilità eccelsa nell'arte della tessitura. Kengyû ed Orihime vivevano ciascuno nella zona riservata a loro nella vastissima Via Lattea.



Un giorno, tuttavia, Kengyû con le sue mucche stava percorrendo i prati del cielo e, senza accorgersene, si trovò nella zona orientale della via lattea. Proprio in quel momento Orihime e le sue sorelle stavano facendo il bagno dopo che avevano deposto sui rami degli alberi i loro splendidi kimono di seta. Kengyû rimase affascinato dalla figura delle belle sorelle e non sapeva che erano delle divinità. Era una vista incantevole. Kengyû era soprattutto attratto dalla più giovane delle sorelle e il suo cuore venne rapito dalla sua bellezza. I suoi occhi erano quelli di un giovane che per la prima volta era illuminato dal fuoco dell'amore.

Una delle mucche, che lo stavano osservando in quello stato, gli sussurrò a bassa voce in un orecchio:

" Kengyû, e se portassi via il kimono di quella ragazza…?"

Appena a Kengyû arrivò questo suggerimento, prese i vestiti di Orihime dal ramo dell'albero dove erano appesi e, proprio come la mucca aveva proposto, li nascose dietro ad un masso di roccia.



Appena Orihime uscì dall'acqua del fiume, andò in cerca dei suoi vestiti e fu molto sorpresa e preoccupata nell'accorgersi che il suo kimono non c'era più.

Alle sorelle, senza farsi accorgere di essere senza vestiti:

"Verrò da voi più tardi", disse e si acquattò nuda in quel posto, dal momento che senza il kimono di seta non riusciva a volare.

A un certo punto sentì una voce di dietro che la chiamava.

"I tuoi vestiti sono qua. Prima, però, ho un favore da chiederti".

Voltandosi in direzione della voce appena ascoltata, Orihime vide il giovane che stava in piedi e gli mostrava le spalle.

"Mi piacerebbe se tu diventassi mia moglie", disse Kengyû, sospinto dall'amore.

"Io devo tornare al cielo".

Il giovane si voltò a guardare il volto di Orihime che aveva nascosto il corpo dietro la roccia.

"Mi piacerebbe che tu diventassi mia moglie".

Nel vedere il viso di Kengyû, la sua figura virile e il bellissimo sguardo, Orihime sentì il cuore battere d'amore per lui e decise di accettare la sua proposta.

In cuor suo, comunque, c'era anche la speranza di riavere il suo kimono.



Dopo non molto tempo, ai due nacquero una bambina e un bambino. Orihime, nel frattempo, non era tornata neanche una volta a casa e viveva con Kengyu che si sentiva felice. Anche i fanciulli, che erano loro nati e che erano circondati dall'affetto della dolce madre e da quello del padre, erano ugualmente felici

Una divinità femminile che viveva sulla montagna di Konron, quando venne a sapere che Orihime viveva nel mondo degli esseri umani e che, anzi, aveva perfino dato vita a dei bambini con un uomo, s'infuriò e digrignò i denti. Era, infatti, gelosa di quanto stava accadendo ad Orihime.

"Non lo si può permettere. Porta indietro Orihime il più presto possibile!", disse al messaggero che aveva mandato dal cielo e così a forza costrinse Orihime a tornare nel suo mondo.



Kengyû ed i bambini che erano stati lasciati da soli vivevano tristi e continuavano a piangere. Non potevano, tuttavia, andare avanti così, piangendo tutto il giorno. Kengyû, allora, mise i bambini in una cesta che si caricò sulle spalle e incominciò a camminare dirigendosi verso la zona orientale della Via Lattea.

Dopo giorni e giorni di cammino, finalmente arrivò all'estremità della Via Lattea. Stranamente, però, del fiume della Via Lattea non si vedeva neanche l'ombra. Dal posto in cui si trovava Kengyû si vedeva questo fiume molto ma molto lontano.

La dea aveva spostato il fiume in un luogo più elevato per impedire a Kengyu di vedere Orihime. Questi, lontani l'uno dall'altra, vivevano nella tristezza e versavano abbondanti lacrime perché non riuscivano a incontrarsi.

Il padre ed i bambini tornarono a casa e continuavano a piangere guardando il fiume della Via Lattea che si era spostato molto più in alto e lontano. Vedendoli così afflitti, una mucca si mosse a compassione e avvicinatasi bisbigliò al loro orecchio:

" Kengyû, se io muoio, tu potrai fare una giacca con la mia pelle e, con essa, sarai in grado di salire fino al fiume della Via Lattea".



Dopo aver pronunciato queste parole, la mucca esalò l'ultimo respiro e Kengyû pianse doppiamente al pensiero che essa aveva compreso il suo stato d'animo e, a costo della sua vita, aveva cercato di rendere possibile la realizzazione del suo desiderio.

Fece subito una giacca con la pelle della mucca morta, la indossò e si incamminò, senza perdere tempo, verso il fiume della Via Lattea, con i bambini in una cesta posta sulle sue spalle.



Padre e figli arrivarono alla Via Lattea mentre le stelle risplendevano in tutto il loro fulgore. Era una vista meravigliosa. Kengyû era eccitato e fuori di sé al pensiero di poter vedere sua moglie ed i bambini cominciarono a gridare e a chiamare la mamma.

A questo punto, la dea che stava osservando la scena andò su tutte le furie per la gelosia. Divise il fiume della Via Lattea, con la sua forcina, tirando una linea in modo da rendere impossibile l'attraversamento per il padre e i figli.

Per l'ira della divinità, l'acqua del fiume crebbe a dismisura e tutta la Via Lattea si allagò per questa ragione. Il padre ed i bambini furono presto circondati dalle acque e quasi stavano per affogare, ma non rinunciavano alla loro impresa.

"Papà, tiriamo su l'acqua dal fiume e prosciughiamolo. Quando l'acqua sarà poco profonda, potremo attraversarlo e così abbracciare la mamma".

Kengyû seguì il suggerimento dei figli e cominciò ad attingere l'acqua con un mestolo gettandola fuori dell'alveo del fiume. Lavorava con tutte le sue forze perché l'acqua del fiume potesse scomparire rapidamente. Quando il padre si stancava la bambina prendeva il suo posto, e quando lei si stancava subentrava il fratellino: lavoravano così a turno per attingere l'acqua e svuotare il fiume. La dea che li osservava fu mossa a pietà e:

"Smettete di attingere l'acqua del fiume. Da questo momento i bambini possono vivere con la loro madre. Farò, poi, in modo che Kengyû possa incontrare Orihime il settimo giorno del settimo mese. Una sola volta all'anno, però!"

Appena Kengyû ebbe ascoltato queste parole s'inginocchiò ed espresse la sua gratitudine alla divinità.

Da allora in poi, Kengyû ed Orihime possono incontrarsi ogni anno proprio al centro della Via Lattea il sette di luglio, rinnovando la propria gioia e versando allo stesso tempo tantissime lacrime.

Anche ai nostri giorni la Via Lattea, nelle notti d'estate, risplende bianca e bellissima: su ambo i lati possiamo notare due stelle brillanti che sono Kengyû ed Orihime. A fianco di Kengyu, poi, si trovano due piccole stelle. In esse si possono riconoscere i loro due bambini.





SCHEDA:

Tanabata, o la Festa delle Stelle si svolge la sera del 7 luglio di ogni anno. La festa deve le sue origini all’antica leggenda di una stella Mandriano (in giapponese Hikoboshi) identificabile con Altair della costellazione dell’aquila e di una stella Tessitrice (in giapponese Orihime) identificabile con Vega della costellazione della Lira il cui incontro è impedito dalla presenza di un fiume celeste che li separa. Questo fiume che è la Via Lattea si ritira e consente alle due stelle di incontrarsi una sola volta all’anno: il settimo giorno del settimo mese, ossia il 7 luglio. I caratteri Tanabata (七夕) significano infatti la ‘settima notte’. La leggenda di TANABATA ha origini cinesi; giunse in Giappone, infatti, durante il periodo feudale.

Da allora la festa di Tanabata viene celebrata ogni anno. Bambini e adulti esprimono i loro desideri, scrivendoli su strisce di carta colorata che vengono appese con altri decorazioni in carta e stoffa a delle canne di bambù, poste all’ingresso delle case o nei giardini.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
LA LEGGENDA DELLA VIA LATTEA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Chi mi ha fatto innamorare della chitarra!
» I colori della Musica.
» [AZM] Il linguaggio del Mengoni della Tuscia
» LORAX - IL GUARDIANO DELLA FORESTA
» Il MENGONI della TUSCIA sa volare

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Yuri & Yaoi Paradise Fan Club :: Utenti :: Feste, Mitologia e Storia-
Andare verso: